Smart Reactor – Smart Country

Quiz: secondo voi qual è il paese che sta investendo maggiormente nel nucleare civile?

  1. USA
  2. Russia
  3. Corea del Sud
  4. Italia

Ok, non era difficile, no? (andando per esclusione…)

USA: no. L’industria nucleare statunitense è in notevoli difficoltà, soprattutto per la concorrenza dello shale gas locale e delle rinnovabile con relativi sussidi

Russia: molti reattori in progetto, ma forti difficoltà finanziarie

SudCorea: risposta esatta! Insieme alla Cina è il paese su cui si sono fatti importanti investimenti (24 reattori in funzione, filiera tecnologica sviluppata internamente) ed i risultati arrivano.

Quattro anni fa i coreani hanno battuto tutti nella commessa per i reattori sauditi (si, Arabia Saudita) ed è notizia di pochi giorni che svilupperanno sempre con i sauditi il progetto del loro SMR: SMART è un reattore di piccola taglia (100 MWe), ad alta sicurezza. Qui maggiori dettagli

Ah… intanto un altro reattore coreano è stato certificato NRC

Pubblicato in FISSIONE, SMR | Commenti disabilitati su Smart Reactor – Smart Country

Nucleare contro la sete

Riprendo una News da Phys.org:

http://phys.org/news/2015-02-russia-egypt-aim-nuclear-power.html

Uno dei nuovi reattori che Rosatom costruirà in Egitto servirà anche a desalinizzare l’acqua del Mediterraneo (l’impianto sorgerà a Dabaa).

 Non è una novità (dettagli ad esempio QUI), ma erano molti anni che non si sfruttavano impianti nucleari a questo nobile scopo.

Pubblicato in NEWS | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Nucleare contro la sete

Ancora una start-up nucleare

Il panorama delle start-up che propongono nuovi reattori si sta affollando… Oggi vi parlo di X-Energy (qui il link al sito web).

Start-up americana, affiliata ai una grande azienda di ingegneria esperta in alta tecnologia, X-Energy propone un reattore di piccole dimensioni (quindi rientra negli SMR), caratterizzato dalle seguenti soluzioni:

  • Potenza 125 MW, circa 45 MWe
  • Reattore Termico
  • Ad alta temperatura, raffreddato ad elio
  • Combustibile semi-fluido (“Pebble”), moderato a grafite

E’ quindi un HTGR, proposto in installazioni modulari, interrati e corazzati per ridurre le minacce esterne.

Qui trovate una descrizione più completa del progetto.

Pubblicato in FISSIONE | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Ancora una start-up nucleare

LFTR spiegato in 5 minuti

Cos’è un  LFTR: Liquid Flouride Thorium Reactors

Video non recentissimo ma esplicativo 🙂

Pubblicato in FISSIONE | Contrassegnato | Commenti disabilitati su LFTR spiegato in 5 minuti

PB-FHR – questa è innovazione

Il progetto pionieristico di cui vi parliamo oggi oggi è particolarmente interessante, in quanto riunisce molte caratteristiche innovative, già viste in differenti disegni innovativi.

Si tratta di un progetto di ricerca del Department of Nuclear Engineering University of California, Berkeley, con il supporto del MIT e del US Department of Energy.
A questo link trovate un esauriente report tecnico, ma in sintesi ecco le caratteristiche principali.
Per cominciare è un reattore termico ad alta temperatura, raffreddato con sali fusi e moderato a grafite. In più è concepito come un SMR, quindi una centrale sarebbe costituita da una molteplicità di reattori di piccola taglia (circa 100 MWe), costruiti in serie.

Il reattore userebbe come combustibile delle sferette di 3 cm di diametro, contenenti Uranio arricchito (molto arricchito: 19,9% di U235).  Un simile approccio era stato usato nel THTR e a Fort S. Vrain.
Un’altra caratteristica davvero innovativa fa riferimento alla parte “non-nucleare” dell’impianto. Grazie alle elevate temperature del fluido di raffreddamento, è previsto l’utilizzo di una turbina a gas come generatore di elettricità (ciclo Brayton) ed è previsto che al tradizionale funzionamento “base-load” del reattore, si possa aggiungere una modalità peculiare. Il sistema potrebbe fornire un quantità supplementare di energia, utilizzando gas naturale iniettato nella turbina, ad esempio durante i periodi elevata richiesta di carico.

Si tratta di una proposizione rivoluzionaria, essendo a tutti gli effetti un sistema ibrido nucleare e convenzionale. Evidentemente l’obiettivo è quello di ottenere un costo del kWh competitivo in uno scenario energetico caratterizzato da costi aggressivi del gas naturale.

I lettori più attenti ricorderanno che non è la prima idea di combinazione fra sistemi nucleare e convenzionale: si veda ad esempio questo progetto del 2010.

Sotto una figura con lo schema di principio del reattore, tratto dal report citato.
Buona lettura

Pubblicato in FISSIONE, IBRIDI | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su PB-FHR – questa è innovazione

“Today’s renewable energy technologies won’t save us”

Che eresia. Da dove arriva questa anticonformista dichiarazione? Ecco la storia..

Dal 2007 Google aveva iniziato ad investire in modo rilevante nelle energie rinnovabili. Inoltre aveva lanciato un progetto denominato: “RE<C Initiative” indirizzato all’individuazione di fonti rinnovabili più economiche del carbone.

Ma nel 2011 Google ha chiuso il progetto.

Uno dei team leader del defunto progetto spiega QUI le motivazioni…

Buona lettura …

Pubblicato in NEWS | Contrassegnato | Commenti disabilitati su “Today’s renewable energy technologies won’t save us”