Idrogeno dal nucleare: partono i test con tre reattori

Tre impianti nucleari sono stati selezionati per collaborare con l’Idaho National Laboratory per iniziare a produrre idrogeno per uso commerciale.

Il progetto dimostrerà come l’idrogeno proveniente dalle operazioni nucleari commerciali può essere utilizzato per produrre prodotti e materie prime “verdi”. Le quantità saranno significative per uso domestico e per l’esportazione verso i mercati internazionali.

Il progetto, della durata di due anni, guidato da FirstEnergy Solutions, implementerà un’unità di elettrolisi a bassa temperatura da 1 a 3 MWe per produrre quantità commerciali di idrogeno. Il primo sito, pianificato per il 2020, è la centrale nucleare di Davis-Besse di FirstEnergy Solution, vicino a Toledo, Ohio.

L’idrogeno di Davis-Besse potrebbe inizialmente essere utilizzato per la fornitura al trasporto pubblico nell’Ohio, in nuovi impianti in costruzione per produrre prodotti siderurgici o per altri prodotti commerciali. Questa potrebbe essere una strategia per eliminare la necessità di una centrale nucleare di produrre in modo variabile, come i sistemi a energia rinnovabile.

Invece di ridurre il carico quando le energie rinnovabili sono alla capacità nominale, il carico verrebbe spostato alla generazione di idrogeno e il reattore verrebbe mantenuto a piena potenza, eliminando così le ben note preoccupazioni relative al carico variabile. In altre parole, è una forma di “sostituzione del carico” per facilitare il lavoro di rendere le centrali nucleari compatibili sulla rete con la natura intermittente delle energie rinnovabili.

Questa voce è stata pubblicata in NEWS. Contrassegna il permalink.