Antiproliferazione: tracciare le diversioni di fissile con i neutrini

Il controllo delle possibili diversioni di materiale fissile, per un utilizzo non autorizzato (tipicamente militare) è una componente importante della sicurezza di tutto il ciclo del combustibile nucleare. Vi suggerisco un interessante articolo di review di una nuova tecnologia, che potrebbe integrare efficacemente le attuali metodologie di controllo. In pratica un grosso rivelatore di neutrini verrebbe collocato nelle vicinanze del reattore da monitorare. Il rivelatore sarebbe in grado di rivelare gli antineutrini prodotti a seguito della reazione di fissione. La tracciatura potrebbe essere così precisa da indicare ogni cambiamento anomalo nella quantità di fissile del reattore.
L’articolo è reperibile qui e contiene anche una ricca serie di riferimenti… buona lettura!

Questa voce è stata pubblicata in ANTIPROLIFERAZIONE. Contrassegna il permalink.